Dal 21 gennaio 2020 la Fondazione GIMBE effettua un monitoraggio indipendente dell’emergenza globale COVID-19 senza alcun finanziamento pubblico o privato.

Vuoi aiutarci?

Detrazioni fiscali per gli interventi a sostegno della lotta al coronavirus
Secondo l’art. 66 del D.L. 18/2020, comma 1, per le erogazioni liberali in denaro e in natura a sostegno degli interventi in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19 effettuate nell’anno 2020 dalle persone fisiche e dagli enti non commerciali, è prevista una detrazione dall'imposta lorda ai fini dell'imposta sul reddito pari al 30%, per un importo non superiore a 30.000 euro.

Secondo l’art. 66 del D.L. 18/2020, commi 2 e 3, e in forza del rimando all’articolo 27 della legge 13 maggio 1999 n. 133, per le erogazioni liberali in denaro e in natura a sostegno degli interventi in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19 effettuate nell’anno 2020 dai soggetti titolari di reddito d’impresa, è prevista l’integrale deduzione senza limiti di reddito, dal reddito di impresa e ai fini IRAP.

Nella casuale del versamento indicare: “Erogazione liberale emergenza epidemiologica da COVID-19 ex art. 66 D.L. 17.3.2020 n. 18”.



Il mio contributo

 

  € 20,00   € 50,00   € 100,00  

Voglio donare

€ 20

per

Nome* Cognome*Email*

* Tutti i campi sono obbligatori. La Fondazione GIMBE ti ringrazierà pubblicando il tuo nominativo, se vuoi rimanere anonimo clicca qui

Accetto l'informativa sul trattamento dei dati personali (D. Lgs. n. 196/03)


Agevolazioni fiscali

Persone fisiche

L’erogazione liberale in denaro, fatta da persona fisica a favore della Fondazione GIMBE, è deducibile nel limite del 10% del reddito complessivo dichiarato e comunque nella misura massima di € 70.000,00 annui (Art.14 D.L. 35/2005 come modificato dall’art. 99 co.3 D.lgs 117/2017). Consulta gli elenchi della gazzetta ufficiale n. 209 del 06.09.2019: la Fondazione GIMBE è al n. 101.

Reddito d’impresa
Il trasferimento di fondi in denaro per il finanziamento alla ricerca, erogate da societĂ  e altri soggetti passivi Ires a favore della Fondazione GIMBE, sono deducibili integralmente dal reddito d’impresa (Art. 1 comma 353 L. 266/2005 - Finanziaria 2006). Consulta gli elenchi della gazzetta ufficiale n. 216 del 14.09.2019: la Fondazione GIMBE è al n. 117.
oppure
Le erogazioni liberali in denaro o in natura, effettuate da societĂ  e altri soggetti passivi Ires a favore della Fondazione GIMBE, sono deducibili nel limite del 10% del reddito complessivo dichiarato e comunque nella misura massima di 70.000,00 Euro annui (Art. 14 D.L. 35/2005 come modificato dal D.lgs 117/2017). Consulta gli elenchi della gazzetta ufficiale n. 209 del 06.09.2019: la Fondazione GIMBE è al n. 101.
oppure
Le erogazioni liberali in denaro o in natura, effettuate da società e altri soggetti passivi Ires a favore della Fondazione GIMBE, sono deducibili nel limite del 2% del reddito d’impresa dichiarato (art. 100 c. 2 lett. a del Testo unico delle imposte sui redditi).

Detrazioni fiscali per gli interventi a sostegno della lotta al coronavirus

Secondo l’art. 66 del D.L. 18/2020, comma 1, per le erogazioni liberali in denaro e in natura a sostegno degli interventi in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19 effettuate nell’anno 2020 dalle persone fisiche e dagli enti non commerciali, è prevista una detrazione dall'imposta lorda ai fini dell'imposta sul reddito pari al 30%, per un importo non superiore a 30.000 euro.

Secondo l’art. 66 del D.L. 18/2020, commi 2 e 3, e in forza del rimando all’articolo 27 della legge 13 maggio 1999 n. 133, per le erogazioni liberali in denaro e in natura a sostegno degli interventi in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19 effettuate nell’anno 2020 dai soggetti titolari di reddito d’impresa, è prevista l’integrale deduzione senza limiti di reddito, dal reddito di impresa e ai fini IRAP.

Nella casuale del versamento indicare: “Erogazione liberale emergenza epidemiologica da COVID-19 ex art. 66 D.L. 17.3.2020 n. 18”.